1. Grave minaccia contro la Vio.Me.

    Con una velocità mai vista prima per gli standard dei tribunali greci, è stato fissato d’urgenza per oggi 5 giugno il processo per stabilire un’amministrazione temporanea della Vio.Me. S.A. La liquidatrice della filiale fallita Filkeram, A. Semertzìdou, con una richiesta al Giudice di Pace di Salonicco chiede in sostanza che venga restituita la fabbrica all’amministrazione precedente. read more »

  2. Grecia: la fabbrica Vio.Me avvia la produzione sotto controllo operaio!

    La Grecia delle lotte contro l'austerità compie ancora un piccolo, grande, passo avanti. Con un comunicato pubblicato l'8 febbraio 2013, gli operai della fabbrica Vio.Me annunciano l'inizio dell'autogestione della produzione. Avevo incontrato alcuni operai della fabbrica questa estate ad Atene durante una delle numerose iniziative di discussione pubblica dedicate alla lotta della Vio.Me. read more »

  3. Autogestione conflittuale

    Nuova finanza pubblica e sociale: il lavoro, snodo essenziale.

    Gigi Malabarba

  4. Allarme rosso: batte l'asta su Officine Zero

    Oggi, 29 maggio 2014, si sono presentati presso la fabbrica ri-occupata Officine Zero di via Partini il curatore fallimentare con il suo staff, i rappresentati di Trenitalia e alcuni possibili acquirenti. Si rende così palese l'avvenuta accelerazione del bando di messa in vendita attraverso un'asta delle Officine ex Rsi. Tale processo sta avvenendo: read more »

  5. Il meraviglioso mondo di Oz: nascono le Officine Zero

    Non ci soffermiamo mai abbastanza sulla congiunzione 'e'. Ci preoccupiamo di pensare la copula, 'è', poi ci chiediamo continuamente 'chi' siamo. Prendendo la parola diciamo sempre 'io' e la cosa ci prende la mano, così tanto che non riusciamo più a sentire il colore delle foglie. L'ossessione per il piacere si accompagna a questa sciagura, il pronome personale. E se la crisi ci mette all'angolo, 'io', ogni tanto, si suicida. read more »

  6. Roma - Officine Zero, la fabbrica riconvertita

    Come in una abitazione riarredata bisogna rovistare in soffitta per trovarvi oggetti inutilizzati e mobili che hanno ceduto il passo ai nuovi, così è necessario uscire dalla nuovissima e ultramoderna Stazione Tiburtina, a Roma, per andare alla ricerca di ciò che la «rivoluzione» dell'alta velocità ha consegnato all'archeologia ferroviaria. read more »

  7. Trezzano, viaggio nella fabbrica gestita dagli operai

    Un anno dopo, l'esperimento della Ri-Maflow di Trezzano sul Naviglio continua: la fabbrica occupata e autogestita dagli operai è diventata un centro in cui si svolgono tante attività. Il mercato dell'usato, quello ortofrutticolo, lo smaltimento e la rigenerazione di prodotti tecnologici, concerti e mostre, un bar, una biblioteca e anche un piccolo ostello nel quale vivono cinque immigrati. Cercando di prendere esempio dalle fabbriche argentine come la Zanon. read more »

  8. Controllo operaio alla Fralib

    In Francia ci sono due casi di fabbriche recuperate occupate dai lavoratori nel corso della crisi attuale. Una è la fabbrica di gelati Pilpa, che ha appena avviato la produzione di gelati e yogurt biologici come società di proprietà dei lavoratori e gestita da essi dopo una lunga lotta. L’altra è la produttrice di tè Fralib. read more »

  9. La sfida dell'autogestione per salvare il lavoro

    L'autogestione operaia è un sogno un po' pazzo nel campo dell'industria, che si credeva sostanzialmente legato al produttivismo. Sull'onda della crisi, la vecchia idea, abbandonata dal movimento operaio nel corso del XX secolo, riviene piano piano alla luce. Ha preso forma a 25 chilometri da Marsiglia, nell'enorme fabbrica della Francaise d'alimentation et de boisson (Fralib). read more »

  10. Una rete europea delle Fabbriche autogestite

    Delle molte cose uscite dall’incontro “L’economia dei lavoratori” svoltosi tra venerdì 31 gennaio e sabato 1 febbraio all’interno dei capannoni della Fralib, fabbrica recuperata a Gémon presso Marsiglia, si deve partire dall’energia positiva che si è percepita per tutta la due giorni. read more »

Condividi contenuti